Piramide Cestia

Immagine
  © Photo Massimo Gaudio La Piramide Cestia e Porta San Paolo A nord del quartiere Ostiense, ai confini con il rione San Saba e più precisamente in piazzale Ostiense, si trova la Piramide di Caio Cestio, più comunemente conosciuta come Piramide Cestia . Fu costruita tra il 18 e il 12 a.C. come sepolcro di Caio Cestio, pretore, tribuno e membro del Collegio sacerdotale degli Epuloni. Dopo la conquista dell'Egitto in età augustea, a Roma si sviluppo una sorta di moda che prendeva spunto dal modello egiziano, quindi nella città sorsero vari monumenti sepolcrali simili alle piamidi egizie e quella Cestia è l'ultima rimasta intatta. Nella seconda metà del III sec. d.C., l'imperatore Aureliano fece inglobare la piramide all'interno della cinta muraria a difesa di Roma, le Mura aureliane. Il monumento misura 36,40 metri di altezza, la base misura 29,50 metri per lato, mentre la camera sepolcrale misura 23 mq. che, seguendo l'usanza egizia, fu murata al momento della sepolt

Il Casino dei Principi ai Musei di Villa Torlonia

Veduta notturna del Parco di Villa Torlonia - Roma
 Il Casino dei Principi, fa parte del complesso dei Musei di Villa Torlonia i quali rientrano nel circuito museale di proprietà del Comune di Roma. Si trova all'interno del parco di Villa Torlonia nel quartiere Nomentano a pochi passi da Porta Pia proprio su Via Nomentana.
La palazzina fu ristrutturata nella prima metà dell'ottocento dal pittore, decoratore ed architetto italiano Giovan Battista Ceretti (Sant'Agata sopra Canobbio 1803 - 1878) ed ebbe un ruolo importante nella ristrutturazione ottocentesca nei vari edifici della Villa. In origine era una un semplice edificio rurale risalente ad almeno un secolo prima, così il principe Alessandro Torlonia (Roma 1800 - 1886) ordinò al Ceretti il suo rimodernamento. Già prima di lui fu Giuseppe Valadier (Roma 1762 - 1839) agli inizi del XIX secolo a conferire all'edificio l'aspetto planimetrico attuale. 
Fin dalla sua importante ristrutturazione, la palazzina fu utilizzata dal principe Torlonia per organizzare fastosi ricevimenti. Nel piano nobile c'erano tre sale con le pareti affrescate con varie vedute, due di esse però sono andate distrutte. Erano le vedute sull'antica Roma e sull'antica Grecia. La terza che fortunatamente è rimasta, si chiama Sala delle Vedute di Napoli fu dipinta da pittori diversi tutti coordinati dal Ceretti e veniva utilizzata come sala da pranzo. Nella sala si può ammirare la splendida pavimentazione suddivisa in quadrati, esagoni, triangoli ed otto grandi ottagoni, con all'interno raffigurati strumenti musicali, maschere di sileni, menadi e satiri.
All'interno del Casino dei Principi non ci sono da segnalare particolari accorgimenti architettonici tranne che per le pavimentazioni a mosaico in alcune sale. Gli spazi vengono spesso utilizzati per organizzare mostre ed eventi e i visitatori vi possono accedere dal portale a doppie ante in legno dove c'è scritto Alexander Torlonia. Il portale è incorniciato da una mostra marmorea intagliata con un disegno di foglie con al centro si trova lo stemma di famiglia con le rose e le cometeLe colonne provengono dalla tenuta Torlonia di Roma Vecchia nel quartiere Appio Claudio, hanno basi antiche e capitelli corinzi.


Casino dei Principi - Villa Torlonia - Roma

Il portale d'ingresso

Sala delle Vedute di Napoli

Sala delle Vedute di Napoli

Sala delle Vedute di Napoli

Commenti

Post popolari in questo blog

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Palazzo Barberini

Marforio, la Statua Parlante ai Musei Capitolini

Statua Colossale di Costantino

Museo della Civiltà Romana all'EUR

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Natale di Roma

Il Presepe di Arnolfo di Cambio nella basilica di Santa Maria Maggiore