Monumento a Ciceruacchio sul Gianicolo

Immagine
  #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Ettore Ximenes, Monumento a Angelo Brunetti detto Ciceruacchio (1907) Il Gianicolo verso la metà del XIX secolo fu terreno di battaglia tra l'esercito francese che per convenienza politica andò in aiuto di papa Pio IX ed i patrioti della Repubblica Romana del 1849 che vide anche la partecipazione di Giuseppe Mazzini, Giuseppe Garibaldi e Goffredo Mameli. Purtroppo molti combattenti della Repubblica Romana morirono e vengono ricordati nel sacrario del Mausoleo Ossario Garibaldino che si trova proprio sul colle del Gianicolo, mentre altri dopo la capitolazione fuggirono da Roma per andare a combattere a nord contro l'esercito austriaco. Tra questi c'erano Giuseppe Garibaldi ed Angelo Brunetti detto Ciceruacchio (per via del suo aspetto grassottello da bambino che in una derivazione del romano è ciruacchiotto). Brunetti fu un patriota molto conosciuto dal popolo romano dell'epoca e partecipò attivamente nella battaglia con

L'oro e il bronzo degli Etruschi

Le lamine d'oro (fine VI sec. a.C.) - Museo Etrusco di Villa Giulia - Roma
Gli Etruschi oltre a saper lavorare benissimo la terracotta, erano bravissimi a creare oggetti in bronzo. Ovviamente nel Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, sono conservati moltissimi oggetti in bronzo ed in questo post ne ho inserito una selezione che a mio giudizio meritano di essere messi in risalto. Prima però vorrei dedicarmi ad un altro tipo di metallo, ancor più prezioso: l'oro. In una teca al pian terreno, sono esposte tre lamine d'oro incise risalenti alla fine del VI sec. a.C., quindi nel periodo successivo la fondazione di Roma. Due lamine sono in etrusco, mentre la terza è in fenicio. Tutti e due i testi hanno lo stesso contenuto, anche se quello etrusco è più lungo. In pratica si tratta di dediche e ringraziamenti verso gli dei. E' un documento importantissimo per comprendere meglio l'etrusco.
Adesso però torniamo ai bronzi. Nelle foto avrete modo di vedere solo alcuni dei tantissimi oggetti esposti nelle sale sopratutto al primo piano dell'edificio. A mio giudizio forse sono quelli più significativi, alcuni sono pezzi unici come la Cista Ficoroni oppure il carrello votivo, per il resto vi consiglio, se potete, di andare a visitare il museo. Le emozioni sono assicurate.
Cista Ficoroni (350-330 a.C.) - Museo Etrusco di Villa Giulia - Roma

Cinerario biconico con coperchio in bronzo (VIII sec. a.C.) - Museo Etrusco di Villa Giulia - Roma

Carrello votivo in bronzo (VIII sec. a.C.) - Museo Etrusco di Villa Giulia - Roma



Olpe - Museo Etrusco di Villa Giulia - Roma

Specchio in bronzo - Museo Etrusco di Villa Giulia - Roma

Bronzetti votivi raffiguranti Minerva combattente con egita sul petto (450-400 a.C.) - Museo Etrusco di Villa Giulia - Roma
Modello di fegato ovino in bronzo (120-80 a.C.) - Museo Etrusco di Villa Giulia - Roma

Umbone - Museo Etrusco di Villa Giulia - Roma

Coppa - Museo Etrusco di Villa Giulia - Roma

Commenti

Post popolari in questo blog

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

Piramide Cestia

Gli affreschi di Galleria Borghese

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Il Trionfo della Divina Provvidenza di Pietro da Cortona a Palazzo Barberini

Cappella Cerasi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Caravaggio e la cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi