Piramide Cestia

Immagine
  © Photo Massimo Gaudio La Piramide Cestia e Porta San Paolo A nord del quartiere Ostiense, ai confini con il rione San Saba e più precisamente in piazzale Ostiense, si trova la Piramide di Caio Cestio, più comunemente conosciuta come Piramide Cestia . Fu costruita tra il 18 e il 12 a.C. come sepolcro di Caio Cestio, pretore, tribuno e membro del Collegio sacerdotale degli Epuloni. Dopo la conquista dell'Egitto in età augustea, a Roma si sviluppo una sorta di moda che prendeva spunto dal modello egiziano, quindi nella città sorsero vari monumenti sepolcrali simili alle piamidi egizie e quella Cestia è l'ultima rimasta intatta. Nella seconda metà del III sec. d.C., l'imperatore Aureliano fece inglobare la piramide all'interno della cinta muraria a difesa di Roma, le Mura aureliane. Il monumento misura 36,40 metri di altezza, la base misura 29,50 metri per lato, mentre la camera sepolcrale misura 23 mq. che, seguendo l'usanza egizia, fu murata al momento della sepolt

Museo Hendrik Christian Andersen

L'atelier
Nel quartiere Flaminio a Roma, si trova il Museo Hendrik Christian Andersen, costruito dal 1922 al 1925 su suo progetto dello stesso per diventare sia la sua dimora che il suo studio.
L'artista nato a Bergen in Norvegia nel 1872, si trasferì da piccolo con la famiglia negli Stati Uniti a Newport, ma ritornò in Europa a ventidue anni per studiare arte, raggiungendo il fratello Andreas a Parigi dove si trovava per portare avanti un progetto artistico incentrato sulla pittura, grazie anche ad aiuti economici provenienti da famiglie di Newport, in particolare la famiglia Cushing da dove proveniva colei che poi sarebbe diventata la moglie di Andreas.
L’Italia era considerata alla fine dell’Ottocento il luogo indispensabile per ampliare le conoscenze di un artista. Dopo aver lasciato Parigi, visitò le più importanti città d’arte italiane tra queste Firenze, Venezia, Bologna, Napoli e Perugia. Alla fine arrivò a Roma dove allestì il suo primo studio in Via Margutta e lì cominciò a realizzare i suoi primi lavori. 
Rimase nella Città Eterna fino al giorno della sua morte avvenuta nel 19 Dicembre del 1940 ed ora si trova al cimitero acattolico di Roma nel rione Testaccio.
Andersen era talmente innamorato di Roma e dell'Italia intera da progettare varie opere di rilievo anche a sue spese come per esempio il Museo di scultura all'aperto nell'area di Valle Giulia da realizzarsi di fianco alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna, progetto del 1917 bocciato dall'allora sindaco di Roma principe Colonna. 
Lo Stato italiano ricevette in dono dopo la sua morte Villa Hélène (il nome della mamma), lo studio, i documenti e più di 400 lavori, oltre a quelli di altri artisti e fotografi contemporanei, suoi amici e conoscenti. Villa Hélène, dopo la morte della sorella adottiva Lucia, divenne a tutti gli effetti dello Stato ed attualmente è il Museo vero e proprio che contiene tutti i lavori dell'artista, come le statue create per realizzare la Fontana della Vita e L'Angelo della Vita (o Vita eterna).

L'ingresso è libero


Fontana della Vita

Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita (1910) Acquarello su cartone
La Fontana della Vita doveva essere un monumento a più piani, composto da numerose sculture. Dal piano più alto fuoriusciva l’acqua, simbolo della vita. Siccome il progetto rimase allo stato di idea, Andersen ne realizzò solo alcune parti e nel museo sono visibili bozzetti in gesso e bronzo, disegni, statue di grosse dimensioni sia in gesso che in bronzo, le stesse che avrebbero trovato collocazione, secondo il progetto, di fronte al Palazzo delle Arti. 
L’intera opera è costituita da tre terrazze poste a più livelli e da una vasca centrale superiore da cui esce l’acqua, decorata con una scena a mosaico che raffigura le Quattro Stagioni. Dall’alto in basso, l’acqua avrebbe formato una cascata ininterrotta. 
Il complesso, oltre la vasca centrale, era formato da quattro gruppi su piedistalli circolari simboleggianti le varie fasi del giorno: Il mattino, il giorno, la sera e la notte; Quattro coppie di figure maschili e femminili allusive alla fratellanza, all'amore, alla progenie e al progresso dell'umanità ed infine due statue equestri e due femminili raffiguranti la preghiera.

Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, Le quattro stagioni




Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, Il mattino (1907-1910) Gesso
Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, Il giorno (1904-1908) Bronzo
Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, La sera (1907-1909) Gesso
Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, La notte (1907-1909) Gesso
Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, Il passo (1900) Bronzo

Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, La fontana della vita, Amore (1906) Bronzo
Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, La gioia di vivere (1907) Bronzo
Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, Il progresso dell'umanità (1911-1918) Gesso
Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, Nudo femminile con due putti su cavallo al passo (1905-1907) Gesso
Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, Nudo maschile e femminile con due putti su cavallo al passo (1905-1907) Gesso
Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, La preghiera - destra (1906) Bronzo

Hendrik Christian Andersen, La fontana della vita, La preghiera - sinistra (1906) Bronzo


Museo di scultura all'aperto

Amos Luchetti, Valle Giulia, Museo di scultura all'aperto di H.C. Andresen (1917) - Museo Hendrik Christian Andersen - Roma
Hendrik Christian Andersen (Bergen 1872 - Roma 1940), dopo aver girato gli States e vari Paesi europei, rimase affascinato dalla bellezza di Roma e dell'Italia intera, che decise di stabilirsi a Roma in modo permanente. Tra i tanti progetti presenti nel museo, ce n'è uno che avrebbe fatto sicuramente la gioia di molti. Progettò nel 1917 un Museo di scultura all'aperto nell'area di Valle Giulia da offrire a sue spese al Comune di Roma, nel punto dove si trova attualmente la Facoltà di Architettura. Il disegno che vedete all'inizio dell'articolo, fu commissionato dallo stesso Andersen all'architetto Amos Lucchetti, suo collaboratore, che poco dopo si occupò della costruzione della tomba di famiglia all'interno del Cimitero Acattolico della Piramide Cestia a Roma. Successivamente si occupo anche della costruzione dell'attuale Museo.
Edgar A. Mowrer, corrispondente a Roma del Chicago Daily News ed amico di Andersen, fece da intermediario con l'allora sindaco di Roma principe Colonna, per la realizzazione del Museo di scultura all'aperto, ma purtroppo ottenne soltanto una risposta negativa. Come si vede dal disegno, le sculture immaginate per il Museo, sono caratteristiche dello stile dell'arista: Ballerine volanti con putti, figure maschili a cavallo e atleti con putti. 


















L'Angelo della Vita (o Vita eterna)

La scultura in bronzo si chiama L'Angelo della Vita (o Vita eterna), è stata realizzata nel 1912 e dedicata al fratello Andreas morto a Boston nel 1902. La sua destinazione iniziale era per il cimitero americano di Cambridge nel Massachusetts, dove era stato inizialmente sepolto. Il gruppo scultoreo fu fatto fondere in Germania e in seguito, prima della sua collocazione a Roma, fu esposto al Salon di Parigi nel 1914. Una volta arrivata a Roma nel 1918, fu collocato sul sacello della tomba della Famiglia Andersen nel Cimitero Acattolico della Piramide Cestia. Nel 1933 a seguito di danni strutturali della Tomba, il gruppo fu mandato nella fonderia tedesca per le dovute riparazioni, ma purtroppo non fu più ricollocata al suo posto sia per la sua "nudità" che per la grandezza che al dire dell'amministrazione "sovrastava le altre tombe". Rimase per molto tempo in stato di abbandono nel cimitero, fino a quando la sorella Lucia, la fece portare nel 1947 all'interno dell'attuale Museo.
Nel 1911 Andersen espose una copia in gesso alla Grande Mostra Internazionale di Roma, collocata all'interno del salone centrale. Successivamente però fu collocata nei magazzini dove andò distrutta. Tuttavia all'interno del Museo Hendrik Christan Andersen, è esposto un modellino in bronzo dove sopra è incisa la dedica al fratello (ultima foto).
Hendrik Christian Andersen, L'Angelo della Vita (o Vita eterna) (1912) - Museo Hendrik Christan Andersen - Roma



Hendrik Christian Andersen, Modellino de L'Angelo della Vita (o Vita eterna) (1912) - Museo Hendrik Christan Andersen - Roma

Commenti

Post popolari in questo blog

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Palazzo Barberini

Marforio, la Statua Parlante ai Musei Capitolini

Statua Colossale di Costantino

Museo della Civiltà Romana all'EUR

Natale di Roma

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Il Presepe di Arnolfo di Cambio nella basilica di Santa Maria Maggiore