La casa romana di Michelangelo Buonarroti (Serbatoio Gianicolense)

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Serbatoio Gianicolense Anche se il Gianicolo non fa parte dei Sette Colli di Roma ha un fascino tutto suo, dal quale si può ammirare uno stupendo panorama sulla Capitale. C'è una strada, la Passeggiata del Gianicolo, che corre lungo tutto il colle ed accompagna lo sguardo sulla citta dal Faro del Gianicolo fino a Porta San Pancrazio passando per piazza Garibaldi da dove la vista è mozzafiato in qualunque momento, sia di giorno che di notte. Verso la fine del percorso vicino a Porta San pancrazio, prorpio di fonte al monumento a Ciceruacchio, nel 1928 è stato costruito un serbatoio interrato all'interno di un bastione per far fronte alla mancanza di acqua. Per l'occasione si decise di addossare sul muro del serbatoio quella che si presume essere la facciata della casa romana di Michelangelo Buonattoti dove visse dal 1531 in poi. La casa dell'artista si trovava in origine in via Macel de' Corvi che venne demolita per la

Pe' Lungotevere... le passeggiate romantiche e i Ponti del Tevere

Panorama sul Tevere al suo ingresso in città
Pe' Lungotevere....

C'è il ritornello della canzone Pe' lungotevere cantata in romanesco dalla grande Gabriella Ferri che recita così:

Lì sotto l'arberi de Lungotevere
le coppie fileno, li baci scrocchieno...
si nun sei pratico de regge moccoli
pè Lungotevere nun ce passà!

Una visione sicuramente romantica ispirata dalla magia del Tevere. Purtroppo nel corso degli anni questa magia si è affievolita, ma rimane sempre la bellezza che il Tevere offre ogni giorno a tutti quelli che lo guardano con passione. Certo, si potrebbe fare di più per riportarlo ai fasti de 'na volta, ma direi che anche così non è niente male. Mi ritornano i mente i film romani degli anni '50-'60 quando farsi il bagno nelle acque del fiume era di uso comune. I bar, i ristoranti, le balere erano frequentati da gente che pensava a divertirsi, ma purtroppo quelli passati erano altri tempi e ci rimangono solo ricordi in bianco e nero.
Nonostante tutto però, voglio portarvi a fare una passeggiata pe' Lungotevere partendo da Ponte Flaminio che si trova a Nord del percorso del fiume, poco dopo il suo ingresso in città. Seguendo il corso dell'acqua si incontra Ponte Milvio ed il Ponte della Musica. La parte più romantica inizia però in prossimità di Castel Sant'Angelo e San Pietro e, seguendo le foto, seguirete il corso del fiume passando per Ponte Vittorio Emanuele II e successivamente dopo per Ponte Principe Amedeo di Savoia Aosta. All'altezza di Ponte Sisto vi troverete in corrispondenza di Trastevere. Dopo qualche centinaia di metri si incontra la splendida Isola Tiberina, incastonata come una pietra preziosa al centro del Tevere, collegata alla "terra ferma" da due ponti: il Ponte Fabricio che va' verso la Sinagoga ed il Ponte Cestio che va' verso Trastevere . Le ultime fotografie sono riferite al Ponte Rotto che si trova lì, poco dopo l'Isola Tiberina, da circa 2200 anni ed a seguire il Ponte Palatino.

Ponte Flaminio

Ponte Milvio

Ponte della Musica Armando Trovajoli

Passeggiata tra Ponte Sant'Angelo e Ponte Umberto I (a destra)

Ponte Sant'Angelo

Ponte Vittorio Emanuele II

Ponte Vittorio Emanuele II visto attraverso Ponte Sant'Angelo

Ponte Vittorio Emanuele II

Ponte Principe Amedeo Savoia Aosta

Panoramica sul Tevere da Castel Sant'Angelo

Ponte Sisto

Isola Tiberina con Ponre Cestio

Ponte Rotto (a sinistra), Isola Tiberina con Ponte Fabricio

Ponte Rotto

Passeggiata di fronte l'Isola Tiberina, Ponte Rotto e sullo sfondo Ponte Palatino

Commenti

Post popolari in questo blog

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

Piramide Cestia

Gli affreschi di Galleria Borghese

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Cappella Cerasi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Caravaggio e Caravaggisti nelle nuove sale di Palazzo Barberini

Caravaggio e la cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi