Piazza Mincio nel Quartiere Coppedè

Immagine
   © Photo Massimo Gaudio Palazzo del Ragno In realtà il Quartiere Coppedè non è un vero e proprio quartiere, si chiama così perché l'architetto Gino Coppedè che lo ha progettato, ha voluto dargli quel nome. Siamo nel quartiere Trieste, dove il comprensorio formato da diciotto palazzi e ventisette tra palazzine ed edifici, è incastonato tra via Tagliamento, via Arno, via Ombrone, via Serchio e via Clitunno. Coppedè fu incaricato della sua realizzazione nel 1915, ma non vide la fine dei lavori perché morì nel 1927. Fu un'altro architetto, Paolo Emilio André, a completare i lavori. Nella parte più bella del Quartiere Coppedè, si trova piazza Mincio dove al centro è collocata la Fontana delle Rane realizzata nel 1924. La base quadrilobata all'interno di una vasca circolare, le figure che sorreggono le grandi valve di conchiglie, mascheroni, le rane e la seconda vasca più alta di circa due metri, rimandano sicuramente allo stile berniniano. Con un occhio più attento, si può not

Roma, scrigno di incomparabile bellezza


Questo video è il frutto di una raccolta di immagini tratte dal mio archivio fotografico che mettono in mostra soltanto alcune delle meraviglie che si possono ammirare visitando Roma ed ovviamente non ho potuto mettere tutto perché la città ne è piena... forse ci vorrebbe un colossal per riuscire a mostrare quanto è stato fatto in più di 2500 anni.

Commenti

Post popolari in questo blog

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

Marforio, la Statua Parlante ai Musei Capitolini

Appartamento del '700 in Palazzo Barberini

Palazzo Toni in via Capo le Case

Aula dell'Opus Sectile di Porta Marina al Museo Nazionale dell’alto Medioevo

Le terrecotte degli Etruschi