Fontana dei Libri

Immagine
  © Photo Massimo Gaudio Fontana dei Libri Nel 1927 l'arcchitetto Pietro Lombardi, che vinse il concorso per la costruzione della Fontana delle Anfore nel rione Testaccio, ricevette dall'amministrazione comunale l'incarico della costruzione (oltre alla Fontana degli Artisti ) di una fontana che rappresentasse il rione Sant'Eustachio. Egli riuscì ad unire due elementi molto rappresentativi del posto. Il primo è quello della testa di cervo, simbolo del rione che rappresenta il momento in cui il santo incontrò prima di convertirsi, il cervo durante una battuta di caccia che, arrivato davanti un burrone si girò verso di lui e tra le corna apparve una croce luminosa con la figura di Gesù. L'altro elemento rappresentativo del rione sono i libri che fanno riferimento all'università della Sapienza sul cui muro la fontana è addossata. La Fontana dei Libri si trova in via dei degli Staderari, tra Palazzo Carpegna e la chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza all'interno

La Fontana dei Quattro Fiumi

 

La Fontana dei Quattro Fiumi


Al centro di piazza Navona, si trova la Fontana dei Quattro Fiumi progettata e realizzata da Gian Lorenzo Bernini tra il 1648 ed il 1651 che costituisce un’insuperabile creazione di arte barocca. Voluta da Papa Innocenzo X Pamphilj come ornamento della piazza sulla quale in quel periodo era in costruzione il palazzo di famiglia, sostituì l’abbeveratoio installato insieme alle due fontane laterali nella seconda metà del XVI secolo. Nel 1647 il pontefice affidò a Francesco Borromini il progetto della nuova conduttura che doveva portare nella piazza l’acqua proveniente dall'acquedotto dell'Acqua Vergine. Si sa che tra il Borromini ed il Bernini c'era una rivalità molto sostenuta, quindi l'architetto napoletano riuscì a vincere sui rivali, Borromini compreso, il concorso indetto dal pontefice grazie ad uno stratagemma. Egli regalò un modellino in argento della fontana alla cognata del Papa, donna Olimpia Maidalchini, la quale convinse il pontefice a concedere il lavoro appunto al Bernini. 

La fontana si trova al centro di un bacino di forma ellittica ed è immaginata come una scogliera con al centro una grotta con quattro aperture. Sui quattro angoli si trovano altrettante statue momumentali che rappresentano i quattro fiumi dei continenti allora conosciuti: Il Danubio, Il Gange, il Nilo ed il Rio della Plata. Sotto la direzione del Bernini, lavorarono molte persone ed alcuni di loro scolpirono le suddette statue: Antonio Ercole Raggi per l’Europa, Claude Poussin per l’Asia, Giacomo Antonio Fancelli per l’Africa e Francesco Baratta per l’America. Ogni fiume è affiancato da un simbolo di identificazione: il cavallo (Europa), Il remo ed il dragone (Asia), il leone e la palma (Africa) e l'armadillo (America). Sulla parte alta della scogliera si trovano due grandi stemmi marmorei della famiglia del papa con la colomba che porta nel becco un ramo di ulivo. La stessa colomba bronzea è collocata alla sommità dell’obelisco, copia romana che giaceva in pezzi nell’area del circo di Massenzio.




Il Danubio

Il Cavallo

Il Gange con il remo ed il drago

Il Nilo

Il Leone

Il Rio della Plata

L'Armadillo

Lo stemma papale con l'obelisco


Commenti

Post popolari in questo blog

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

Il Tempio di Ercole Vincitore

La Fontana dell'Acqua Felice

L'elefantino berniniano in Piazza della Minerva

Marforio, la Statua Parlante ai Musei Capitolini

Panoramiche su Roma