Monumento a Ciceruacchio sul Gianicolo

Immagine
  #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Ettore Ximenes, Monumento a Angelo Brunetti detto Ciceruacchio (1907) Il Gianicolo verso la metà del XIX secolo fu terreno di battaglia tra l'esercito francese che per convenienza politica andò in aiuto di papa Pio IX ed i patrioti della Repubblica Romana del 1849 che vide anche la partecipazione di Giuseppe Mazzini, Giuseppe Garibaldi e Goffredo Mameli. Purtroppo molti combattenti della Repubblica Romana morirono e vengono ricordati nel sacrario del Mausoleo Ossario Garibaldino che si trova proprio sul colle del Gianicolo, mentre altri dopo la capitolazione fuggirono da Roma per andare a combattere a nord contro l'esercito austriaco. Tra questi c'erano Giuseppe Garibaldi ed Angelo Brunetti detto Ciceruacchio (per via del suo aspetto grassottello da bambino che in una derivazione del romano è ciruacchiotto). Brunetti fu un patriota molto conosciuto dal popolo romano dell'epoca e partecipò attivamente nella battaglia con

Caravaggio e la cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi

 

Il ciclo di san Matteo del Caravaggio nella cappella Contarelli


Nel rione Sant'Eustachio tra piazza Navona ed il Pantheon, si trova nell'omonima piazza la chiesa di San Luigi dei Francesi, dove al suo interno c'è la cappella Contarelli. Questa piccola cappella, che è l'ultima della navata di sinistra, ha la particolarità di avere collocati sulle tre pareti, altrettanti dipinti di Michelangelo Merisi detto Caravaggio


Il cardinale Mathieu Conitrel acquistò nel 1565 la cappella che prende il nome dall'italianizzazione del suo nome, trasformato in Matteo Contarelli. Questo passaggio è importante per capire perché all'interno di essa si trovino tre tele dedicate a San Matteo. Nei successivi vent'anni il cardinale cercò di impreziosire la cappella commissionando i lavori al pittore Girolamo Muziano al quale si susseguirono altri artisti come il pittore Giuseppe Cesari detto Il Cavalier d'Arpino al quale gli eredi del cardinale, i Crescenzi, commissionarono i lavori di decorazione. In un primo momento il Cesari ricevette la commissione per il ciclo pittorico dal cardinale Francesco Maria del Monte che aveva a suo servizio anche il pittore lombardo e forse è questo il motivo che la commissione passò successivamente a Caravaggio, il quale dovette realizzare la Vocazione di San Matteo (nella parete di sinistra) e il Martirio di San Matteo (in quella di destra) in tempo per l'inizio dell'Anno Santo del 1600. Due anni dopo fu chiamato a concludere il ciclo pittorico con la realizzazione della pala sull'altare che doveva sostituire un gruppo scultoreo rifiutato da Francesco Contarelli, nipote del cardinale. Della pala d'altare intitolata San Matteo e l'angelo, Caravaggio ne fece due versioni: la prima andò distrutta in un incendio al Flakturm Friedrichshain di Berlino durante la seconda guerra mondiale, mentre la seconda è quella che possiamo ammirare in tutta la sua bellezza.


Cappella Contarelli




Michelangelo Merisi detto CARAVAGGIO, Vocazione di san Matteo (1600)

Michelangelo Merisi detto CARAVAGGIO, San Matteo evangelista e l'angelo (1600)

Michelangelo Merisi detto CARAVAGGIO, Martirio di san Matteo (1600)

Volta


Commenti

Post popolari in questo blog

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

Piramide Cestia

Gli affreschi di Galleria Borghese

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Il Trionfo della Divina Provvidenza di Pietro da Cortona a Palazzo Barberini

Cappella Cerasi nella basilica di Santa Maria del Popolo