Piramide Cestia

Immagine
  © Photo Massimo Gaudio La Piramide Cestia e Porta San Paolo A nord del quartiere Ostiense, ai confini con il rione San Saba e più precisamente in piazzale Ostiense, si trova la Piramide di Caio Cestio, più comunemente conosciuta come Piramide Cestia . Fu costruita tra il 18 e il 12 a.C. come sepolcro di Caio Cestio, pretore, tribuno e membro del Collegio sacerdotale degli Epuloni. Dopo la conquista dell'Egitto in età augustea, a Roma si sviluppo una sorta di moda che prendeva spunto dal modello egiziano, quindi nella città sorsero vari monumenti sepolcrali simili alle piamidi egizie e quella Cestia è l'ultima rimasta intatta. Nella seconda metà del III sec. d.C., l'imperatore Aureliano fece inglobare la piramide all'interno della cinta muraria a difesa di Roma, le Mura aureliane. Il monumento misura 36,40 metri di altezza, la base misura 29,50 metri per lato, mentre la camera sepolcrale misura 23 mq. che, seguendo l'usanza egizia, fu murata al momento della sepolt

La fontana di piazza Colonna

 

La fontana di piazza Colonna

Papa Gregorio XIII Boncompagni fece ripristinare definitivamente nella seconda metà del XVI secolo, l'antico Acquedotto Vergine inaugurato dal console e architetto romano Agrippa nel 19 a.C. Dal colle del Pincio, l'acquedotto scendeva attraverso via dei Condotti e si diramava su tutto il terriotorio dell'antico Campo Marzio. Una delle sue diramazioni alimenta la fontana che si trova in piazza Colonna, costruita su progetto di Giacomo Della Porta e scolpita dallo scultore Leonardo Sormani tra il 1575 e il 1577. La fontana si trova in corrispondenza della colonna di Marco Aurelio, più spostata verso via del Corso, ma in uno dei progetti originali, era previsto che la stessa avrebbe avuto una collocazione a ridosso della base della colonna e, posta su un fondale a scogliera, l'inserimento della famosa statua di divinità fluviale del I sec. d.C., nota come statua di Marforio (ultima foto), che ora si trova nel cortile del Palazzo Nuovo al Campodoglio, ma il progetto non fu di gradimento del pontefice, quindi il Della Porta pensò così di spostarla dalla colonna, pur mantenendo la centralità, collocandola nella posizione attuale. L’elegante vasca di forma ovale in marmo portasanta, è arricchita sull’esterno da lesene con teste leonine in marmo bianco. Nel 1830 la fontana subì alcune modifiche da parte dello scultore Achille Stocchi che sostituì l’originario catino con quello attuale in marmo bianco e furono collocati su due lati della vasca, altrettanti gruppi marmorei raffiguranti conchiglie aperte e delfini con le code intrecciate.


Piazza Colonna

Statua di Marforio


Commenti

Post popolari in questo blog

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Palazzo Barberini

Marforio, la Statua Parlante ai Musei Capitolini

Statua Colossale di Costantino

Museo della Civiltà Romana all'EUR

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Natale di Roma

Il Presepe di Arnolfo di Cambio nella basilica di Santa Maria Maggiore