Monumento a Ciceruacchio sul Gianicolo

Immagine
  #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Ettore Ximenes, Monumento a Angelo Brunetti detto Ciceruacchio (1907) Il Gianicolo verso la metà del XIX secolo fu terreno di battaglia tra l'esercito francese che per convenienza politica andò in aiuto di papa Pio IX ed i patrioti della Repubblica Romana del 1849 che vide anche la partecipazione di Giuseppe Mazzini, Giuseppe Garibaldi e Goffredo Mameli. Purtroppo molti combattenti della Repubblica Romana morirono e vengono ricordati nel sacrario del Mausoleo Ossario Garibaldino che si trova proprio sul colle del Gianicolo, mentre altri dopo la capitolazione fuggirono da Roma per andare a combattere a nord contro l'esercito austriaco. Tra questi c'erano Giuseppe Garibaldi ed Angelo Brunetti detto Ciceruacchio (per via del suo aspetto grassottello da bambino che in una derivazione del romano è ciruacchiotto). Brunetti fu un patriota molto conosciuto dal popolo romano dell'epoca e partecipò attivamente nella battaglia con

Basilica di San Lorenzo fuori le mura: Basilica pelagiana

  © Photo Massimo Gaudio

San Lorenzo fuori le mura, Facciata e campanile

La basilica di San Lorenzo fuori le mura si trova nel quartiere Tiburtino ed al suo interno sono ospitate le tombe dei santi Lorenzo martire e Stefano protomartire, di cinque papi: San Zosimo, San Sisto III, Sant'Ilario, Damaso II ed il beato Pio IX. Oltre a queste ed altre tombe, è presente anche quella dello statista Alcide De Gasperi.
La basilica in realtà è composta da due basiliche unite tra loro: la basilica pelagiana che prende il nome da papa Pelagio II e la basilica onoriana che prende il nome da papa Onorio III. In questo articolo parleremo della prima.
Fu l'imperatore Costantino I ad erigere nel IV secolo la prima basilica vicino alla tomba di San Lorenzo martire e proprio sulla sua tomba fu costruito un piccolo oratorio che a sua volta fu rimpiazzato dalla nuova chiesa fatta costruire da papa Pelagio II nel VI secolo. In origine la basilica pelagiana aveva l'ingresso contrapposto a quello attuale e quello che una volta era il nartece, ora è la cappella di papa Pio IX. Il presbiterio come lo vediamo ora, una volta era la navata centrale che terminava con una abside demolita nel XII secolo per creare un collegamento con la basilica onoriana. L'attuale presbiterio è in una posizione rialzata rispetto all'altra basilica e vi si accede da quest'ultima attraverso due rampe di scale. Al di sotto vi è la cripta accessibile scendendo alcuni gradini, nella quale è possibile venerare i santi Lorenzo e Stefano. Sopra queste scale si trova l'arco trionfale dove si trovano mosaici del VI secolo raffiguranti Gesù tra i santi e papa Pelagio II visibile dalla parte della basilica pelagiana. 
Superato il confine tra le due basiliche, si arriva all'inerno del presbiterio fatto rialzare da papa Onorio III, nel quale è possibile ammirare una splendida pavimentazione cosmatesca. I Cosmati oltre alla pavimentazione di quasi tutta la basilica, si occuparono della costruzione del ciborio nel 1148 e del trono papale. Tutto intorno al presbiterio si trovano colonne sormontate da un matroneo e nella parte posteriore corrispondente al trono papale è situato l'organo.
Ritornando verso la navata centrale e dirigendosi verso la navata di destra, si può accedere scendendo una scalinata, in quella che era una volta la basilica pelegiana vera e propria, da dove è possibile vedere la cripta dei santi Lorenzo e Stefano e la cappella di papa Pio IX, realizzata da Raffaele Cattaneo nel XIX secolo, con mosaici che ritraggono i momenti di vita del beato e dove sono esposte le sue spoglie.
Sotto il presbiterio, contrapposto alla cripta dei santi, si trova una lastra di marmo dove, secondo la tradizione, il corpo di San Lorenzo martire fu depositato subito dopo il suo martirio, lasciando l'impronta del corpo. I cristiani portarono il marmo nel cimitero di Ciriaca. Un'antica iscrizione andata ormai perduta così citava: questa è la pietra su cui è stato posto il corpo arrostito di San Lorenzo martire.



Basilica pelagiana, Presbiterio

Basilica pelagiana, Presbiterio verso la basilica onoriana

Basilica pelagiana, Presbiterio, Ciborio cosmatesco, particolare (1148)

Basilica pelagiana, Ciborio cosmatesco (1148)

Basilica pelagiana, Ciborio cosmatesco (1148) e l'arco trionfale

Basilica pelagiana, Presbiterio, Trono papale cosmatesco
Basilica pelagiana, Presbiterio e cripta con le tombe dei santi Lorenzo e Stefano protomartire

Basilica pelagiana, Cripta con le tombe dei santi Lorenzo e Stefano protomartire

Scalinata da dove si scende per la cripta

Basilica pelagiana, Navata di destra

Basilica pelagiana, Navata di sinistra

Basilica pelagiana, Il Marmo di san Lorenzo



Basilica pelagiana, Cappella di Pio IX

Basilica pelagiana, Cappella di Pio IX, Monumento funebre

Basilica pelagiana, Cappella di Pio IX

Commenti

Post popolari in questo blog

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

Piramide Cestia

Gli affreschi di Galleria Borghese

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Il Trionfo della Divina Provvidenza di Pietro da Cortona a Palazzo Barberini

Cappella Cerasi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Caravaggio e la cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi