Fontana dei Libri

Immagine
  © Photo Massimo Gaudio Fontana dei Libri Nel 1927 l'arcchitetto Pietro Lombardi, che vinse il concorso per la costruzione della Fontana delle Anfore nel rione Testaccio, ricevette dall'amministrazione comunale l'incarico della costruzione (oltre alla Fontana degli Artisti ) di una fontana che rappresentasse il rione Sant'Eustachio. Egli riuscì ad unire due elementi molto rappresentativi del posto. Il primo è quello della testa di cervo, simbolo del rione che rappresenta il momento in cui il santo incontrò prima di convertirsi, il cervo durante una battuta di caccia che, arrivato davanti un burrone si girò verso di lui e tra le corna apparve una croce luminosa con la figura di Gesù. L'altro elemento rappresentativo del rione sono i libri che fanno riferimento all'università della Sapienza sul cui muro la fontana è addossata. La Fontana dei Libri si trova in via dei degli Staderari, tra Palazzo Carpegna e la chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza all'interno

Il chiostro delle sculture alla Galleria d'Arte Moderna di Roma

 © Photo Massimo Gaudio

Girolamo Masini, Cleopatra (1882)

In via Francesco Crispi nel rione Colonna, tra via del Tritone e Trinità dei Monti, si trova la Galleria d'Arte Moderna che fa parte del circuito museale capitolino. L'attuale Galleria inaugurata nel 1995, ha origini che partono dalla fine del XIX secolo che nel corso del Novecento ha visto più volte chiusure e riaperture dettate sia da eventi bellici che da scarso interesse. La nuova sede si trova nell'ex convento delle Carmelitane Scalze a San Giuseppe Capo le Case e nel piano nel quale si trova il chiostro, è stata allestita una mostra permenente di sculture, luogo di contemplazione ideale per poter ammirarle anche con l'ausilio della luce solare. Le opere sono dei protagonisti della scena artistica italiana da fine Ottocento fino a prima della Seconda Guerra Mondiale, epoca caratterizzata da trasformazioni estetiche, sociali e politiche. Gli artisti della collezione sono numerosi: Italo Griselli, Guido Galletti, Dino Basaldella, Ercole Drei, Arturo Martini e Marino Marini sono soltanto alcuni dei nomi presenti. Anche nel periodo successivo fino agli anni Cinquanta, artisti come Giacomo Manzù, hanno caratterizzato una mutazione artistica tipica del tardo Ottocento. Sono esposte sicuramente opere di grande interesse e pregio che ancora oggi sono una testimonianza ancora viva.
Amleto Cataldi, Galatea-Fontana (1925)

Arturo Martini, Il pastore (1930)

Attilio Torresini, (1928)

Attilio Torresini, Afrodite (1930-1934)

Carlo Rivalta, Madre (1938-1939)

Dino Basaldella, Pescatore d'anguilla (1934)

Ercole Drei, Il seminatore (1937)

Guido Galletti, Prometeo liberato (1935)

Guido Galletti, Venere con tre amorini (1939)

Italo Griselli, Romolo (1937-1938)

Tommaso Bertolino, Languor (1939)
Giacomo Manzù, Bambina sulla sedia (1955)


Commenti

Post popolari in questo blog

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

Il Tempio di Ercole Vincitore

La Fontana dell'Acqua Felice

L'elefantino berniniano in Piazza della Minerva

Marforio, la Statua Parlante ai Musei Capitolini

Panoramiche su Roma