Piramide Cestia

Immagine
  © Photo Massimo Gaudio La Piramide Cestia e Porta San Paolo A nord del quartiere Ostiense, ai confini con il rione San Saba e più precisamente in piazzale Ostiense, si trova la Piramide di Caio Cestio, più comunemente conosciuta come Piramide Cestia . Fu costruita tra il 18 e il 12 a.C. come sepolcro di Caio Cestio, pretore, tribuno e membro del Collegio sacerdotale degli Epuloni. Dopo la conquista dell'Egitto in età augustea, a Roma si sviluppo una sorta di moda che prendeva spunto dal modello egiziano, quindi nella città sorsero vari monumenti sepolcrali simili alle piamidi egizie e quella Cestia è l'ultima rimasta intatta. Nella seconda metà del III sec. d.C., l'imperatore Aureliano fece inglobare la piramide all'interno della cinta muraria a difesa di Roma, le Mura aureliane. Il monumento misura 36,40 metri di altezza, la base misura 29,50 metri per lato, mentre la camera sepolcrale misura 23 mq. che, seguendo l'usanza egizia, fu murata al momento della sepolt

Museo della Scuola Romana a Villa Torlonia

  © Photo Massimo Gaudio

Musei di Villa Torlonia, Casino Nobile

Nel quartiere Nomentano si trova Villa Torlonia dove oltre il parco sono ospitati i Musei di Villa Torlonia. Sono formati da tre edifici: il Casino dei Principi, la Casina delle Civette ed infine il Casino Nobile. Proprio in quest'ultimo oltre alla bellezza della palazzina stessa dove sono ospitare opere del Canova e statue della Roma Antica, all'ultimo piano è stato aperto al pubblico nel 2006 il Museo della Scuola Romana. La nascita del Museo è stata possibile grazie all'impegno di vari personaggi del mondo dell'arte e della cultura come Miriam Mafai, Netta Vespignani, Claudia Terenzi e Enzo Siciliano. 
Nelle sale espositive del Museo è possibile avere un insieme di momenti di vita inerente l'arte italiana del Novecento, attraverso la ricerca figurativa dei protagonisti della pittura romana in un periodo compreso tra la Prima e Seconda Guerra Mondiale. In quegli anni Roma è stata interessata da varie correnti pittoriche che con i loro protagonisti, hanno creato un certo interesse verso la Scuola romana: Antonio Donghi, Francesco Trombadori, Riccardo Francalancia e Ferruccio Ferrazzi per il Realismo magico e Mario Mafai con Antonietta Raphaël per la Scuola di via Cavour. Altri pittori degli anni Trenta detti Tonali come Corrado Cagli, Giuseppe Capogrossi, Emanuele Cavalli, Roberto Melli e Guglielmo Janni, hanno incrociato nel loro cammino il realismo maturato a ridosso della seconda guerra attraverso la pittura di artisti come Alberto Ziveri, Fausto Pirandello, Renato Guttuso e il giovane Renzo Vespignani. Ho inserito qui sotto soltanto alcune delle opere presenti nel Museo.


Sala espositiva

Sala espositiva

Francesco Trombadori, Nudo di schiena (1938)

Francesco Trombadori, Ritratto di Elena Micucci (1942)

Renato Guttuso, Ragazza seduta con grembiule rosso - Ritratto di Graziella (1936)

Renato Guttuso, Sacra Famiglia (1946)

Riccardo Francalancia, Autoritratto (1947)

Riccardo Francalancia, Gru sul Tevere (1932)

Roberto Melli, Autoritratto (1936)

Nino Betoletti, Pasquarosa tra le Agavi (1924)

Mirko Basaldella, Furore (1944)

Giuseppe Capogrossi, Nudo e Corazza (1931)

Ferruccio Ferrazzi, Domenica - Nudo all'aperto (1915)

Emanuele Cavalli, Meriggio (1935)

Corrado Cagli, Il giorno di San Giovanni (1933)

Cipriano Efisio Oppo, Ritratto di Isabella (1928)

Antonio Donghi, Natura morta con tazzine (1928)

Alberto Ziveri, Lo studio (1938)

Adriana Pincherle, Nudo con scialle (1932)

Commenti

Post popolari in questo blog

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Palazzo Barberini

Marforio, la Statua Parlante ai Musei Capitolini

Statua Colossale di Costantino

Museo della Civiltà Romana all'EUR

Natale di Roma

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Il Presepe di Arnolfo di Cambio nella basilica di Santa Maria Maggiore