La casa romana di Michelangelo Buonarroti (Serbatoio Gianicolense)

Immagine
#artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Serbatoio Gianicolense Anche se il Gianicolo non fa parte dei Sette Colli di Roma ha un fascino tutto suo, dal quale si può ammirare uno stupendo panorama sulla Capitale. C'è una strada, la Passeggiata del Gianicolo, che corre lungo tutto il colle ed accompagna lo sguardo sulla citta dal Faro del Gianicolo fino a Porta San Pancrazio passando per piazza Garibaldi da dove la vista è mozzafiato in qualunque momento, sia di giorno che di notte. Verso la fine del percorso vicino a Porta San pancrazio, prorpio di fonte al monumento a Ciceruacchio, nel 1928 è stato costruito un serbatoio interrato all'interno di un bastione per far fronte alla mancanza di acqua. Per l'occasione si decise di addossare sul muro del serbatoio quella che si presume essere la facciata della casa romana di Michelangelo Buonattoti dove visse dal 1531 in poi. La casa dell'artista si trovava in origine in via Macel de' Corvi che venne demolita per la

Parco di Villa Ada

 © Photo Massimo Gaudio

Il laghetto di Villa Ada

Villa Ada Savoia, o più comunemente chiamatata Villa Ada, si trova nel quartiere Parioli ed è accessibile da numerosi ingressi: Via Salaria (vari), Via Panama, Via di Ponte Salario e via di Monte Antenne. Il grande parco che ha un'estensione di 160 ettari, ha cominciato ad assumere la conformazione attuale soltanto alla fine del XIX secolo, quando Vittorio Emanuele II di Savoia, acquistò la proprietà dalla famiglia Potenziani, con l'intenzione di trasformare la tenuta in residenza suburbana della famiglia Savoia, a seguito del trasferimento della corte a Roma, nuova capitale del regno. Grazie all'intervento del paesaggista Emilio Richter, la proprietà venne trasformata, a partire dal 1874, in un parco rustico all'inglese con l'acquisizione delle numerose vigne confinanti. Alla morte nel 1878 di Vittorio Emanuele II, la villa fu venduta al conte di origine svizzera Tellfner, che la chiamò Ada in onore della moglie, ma dopo qualche anno, nel 1904, il complesso venne riacquistato dai Savoia, i quali avviarono nuovi consistenti interventi di risistemazione. All'interno del parco ci sono numerosi edifici neoclassici ed eclettici costruiti in tempi diversi quali il Tempio di Flora, la Villa Polissena, le Scuderie Reali, lo Chalet svizzero, la Torre Gotica, inoltre il grande parco, il quarto di Roma per grandezza, è caratterizzato dal punto di vista floreale e faunistico, da una zona boschiva con estese macchie di pini, lecci, allori, castagni e prati, secondo la tradizionale configurazione irregolare del giardino all’inglese e popolata da scoiattoli, ricci, conigli selvatici, ampie comunità di uccelli e tartarughe d'acqua dolce. Dal 1957 Villa Ada è entrata a far parte delle ville di pertinenza del Comune di Roma e quindi accessibile al pubblico e da marzo del 2016, dopo il restauro a cura dell'associazione Roma Sotterranea, è stato aperto al pubblico il bunker antiaereo fatto realizzare dai Savoia, visitabile su prenotazione.








Laghetto di piazzale Angelo Frammartino



Commenti

Post popolari in questo blog

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

Piramide Cestia

Gli affreschi di Galleria Borghese

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Cappella Cerasi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Caravaggio e Caravaggisti nelle nuove sale di Palazzo Barberini

Caravaggio e la cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi