Piramide Cestia

Immagine
  © Photo Massimo Gaudio La Piramide Cestia e Porta San Paolo A nord del quartiere Ostiense, ai confini con il rione San Saba e più precisamente in piazzale Ostiense, si trova la Piramide di Caio Cestio, più comunemente conosciuta come Piramide Cestia . Fu costruita tra il 18 e il 12 a.C. come sepolcro di Caio Cestio, pretore, tribuno e membro del Collegio sacerdotale degli Epuloni. Dopo la conquista dell'Egitto in età augustea, a Roma si sviluppo una sorta di moda che prendeva spunto dal modello egiziano, quindi nella città sorsero vari monumenti sepolcrali simili alle piamidi egizie e quella Cestia è l'ultima rimasta intatta. Nella seconda metà del III sec. d.C., l'imperatore Aureliano fece inglobare la piramide all'interno della cinta muraria a difesa di Roma, le Mura aureliane. Il monumento misura 36,40 metri di altezza, la base misura 29,50 metri per lato, mentre la camera sepolcrale misura 23 mq. che, seguendo l'usanza egizia, fu murata al momento della sepolt

Parco Riserva Naturale di Monte Mario

 © Photo Massimo Gaudio

Monte Mario con l'Osservatorio Astronomico

Monte Mario si trova nell'area Nord-Ovest di Roma nel quale si affacciano vari quartieri come il delle Vittorie, Trionfale e Primavalle. La collina di Monte Mario è alta 139 metri ed è un rialzo naturale formatosi 600/700 mila anni fa originato dal sollevamento di una faglia. Il rilievo collinare è caratterizzato da sedimenti marini (forse questo richiamo al mare dà il nome al monte) che rappresentano i terreni più antichi che riguardano la pianura del Tevere una volta sommersa. Nel territorio si trova la Riserva Naturale di Monte Mario, dove ci sono aree poco urbanizzate ed attraversate da percorsi a tornanti che attraversano una distesa verdeggiante di lecci, sughere, aceri, ginestre, cipressi, pini ed altre piente tipiche della macchia mediterranea. All'interno della Riserva esistono quattro sentieri: il sentiero Natura Collina della Farnesina, che si snoda lungo la collina della Farnesina da via dei Casali di Santo Spirito; il sentiero Natura Collina dell'Osservatorio che parte da via dei Casali Mellini e attraversa la collina dell'Osservatorio; il sentiero Natura Collina dello stadio Olimpico e il sentiero Natura Collina di Villa Madama entrambi con partenza da via De Amicis. La Riserva è attraversata anche dalla Via Francigena e i pellegrini che provenivano da Nord, una volta giunti sul monte vedevano davanti a loro Roma e la Basilica di San Pietro. I pellegrini lì si inginocchiavano e intonavano canti religiosi, ed è per questo motivo Monte Mario nel Medioevo fu chiamato Mons Gaudii, ossia Monte della Gioia

Ci sono vari punti panoramici presenti sul colle, il più famoso è sicuramente lo Zoziaco poco sopra l'Osservatorio Astronomico, mentre poco sotto c'è il Belvedere, inoltre c'è un'altro punto panoramico favoloso che si trova in piazzale Socrate che si trova poco distante. Da questi punti panoramici nelle giornate più terse, è possibile riconoscere i Colli Albani, il Monte Tuscolo e i principali monumenti della Capitale fra cui l'Altare delle Patria, il Colosseo, il Pantheon, Villa Borghese ed ovviamente la Basilica di San Pietro. Quelli appena citati sono soltanto alcuni dei luoghi e monumenti visibili, perché il panorama è tamente ampio che si può vedere Roma dai quartieri situati a Nord fino ad arrivare all'Eur. In una delle fotografie pubblicate in questo articolo (quella dove c'è il Colosseo), è possibile vedere una aereo in fase di atterraggio all'aeroporto di Ciampino.

Monte Mario visto da Villa Balestra

Chiesa di Santa Maria del Rosario

Osservatorio Astronomico

Passeggiata Massimo Cimino

Epigrafe con una citazione di Marziale in latino











Commenti

Post popolari in questo blog

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Palazzo Barberini

Marforio, la Statua Parlante ai Musei Capitolini

Statua Colossale di Costantino

Museo della Civiltà Romana all'EUR

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Natale di Roma

Il Presepe di Arnolfo di Cambio nella basilica di Santa Maria Maggiore