Fontana della Terrina in piazza della Chiesa Nuova

Immagine
  #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Piazza della Chiesa Nuova, Giacomo della Porta, Fontana della terrina (1581-1595) Giacomo della Porta è stato uno degli scultori ed architetti più attivi a Roma. Autore di molte fontane disseminate sul territorio capitolino, ce n'è una che, suo malgrado, ha assunto un aspetto un po' bizzarro. Nel rione Parione, in piazza della Chiesa Nuova su corso Vittorio Emanuele II, si trova la Fontana della Terrina , chiamata così per il suo aspetto che non lascia spazio ad altre interpretazioni. In origine però, il suo aspetto non era questo e non era questa neanche la sua collocazione, infatti si trovava al centro di piazza Campo de' Fiori, da dove nel 1889 fu smontata per fare spazio al monumento a Giordano Bruno. Giacomo della Porta realizzò tra il 1590 ed il 1595 soltanto la vasca marmorea a pianta ovale, collocandola al centro di un bacino più basso rispetto al piano strada per via della scarsa pressione dell'acquedotto dell&#

La Scala Santa

  © Photo Massimo Gaudio

Santuario della Scala Santa

La Scala Santa si trova nel rione Monti di fronte la basilica papale di San Giovanni in Laterano nell'omonima piazza. Secondo una antica tradizione cristiana, la madre dell'imperatore Costantino I. ossia Sant'Elena imperatrice, tre anni prima della sua morte avvenuta nel 329 d.C., fece trasportare a Roma dal pretorio di Pilato in Gerusalemme, la Scala che Gesù salì per raggiungere l'aula dove subì l'interrogatorio di Ponzio Pilato il giorno della sua condanna a morte.

La sua collocazione attuale si deve a papa Sisto V che nel 1589 diede il mandato per la sua realizzazione all'architetto Domenico Fontana. La Scala è formata da 28 scalini in marmo rivestini in legno utile per la sua protezione e su di essa si sono tre fessure, all'inizio, al centro e alla fine, dove secondo la tradizione si troverebbe il sangue di Gesù perso dopo la sua flagellazione. Quando fu ricomposta nella sede attuale, la sua messa a dimora iniziò dal gradino più altro fino ad arrivare a quello più basso per evitare che i muratori calpestarreso con il loro piedi quella che è considerata una delle reliquie più importanti per la Chiesa, infatti al contrario delle altre scale laterali che si possono salire a piedi, questa deve essere salita soltanto in ginocchio pregando.
Oltre alla Scala Santa, nell'edificio si trova la cappella del Sancta Sanctorum che è stata da sempre un punto di riferimento per la preghiera dei papi, i quali nel corso dei secoli hanno contribuito al suo restauro e abbellimento. Nella cappella è presente l'Immagine del SS. Salvatore detta Acherotipa, ovvero "non fatta da mano umana", Si ritiene che sia il più antico dipinto di Cristo, probabilmente risalente al V-VI secolo d.C.. Oggi della seta incollata su tavola di noce, restano soltanto delle leggerissime tracce di un Cristo in trono con aureola crociata, nella classica posa del Maestro con il rotolo della legge nella mano sinistra mentre con la destra impertisce la benedizione. Di tutto questo si vede soltanto il suo volto e tutto intorno un rivestimento in argento sbalzato con varie raffigurazioni sacre.
Nell'edificio sono conservate altre reliquie e reliquiari in oro, in argento, in avorio, in legno pregiato, inoltre fino al XIV secolo furono conservate le teste dei Ss Apostoli Pietro e Paolo che papa Urbano V fece trasferire sopra l'altare maggiore della basilica di San Giovanni in Laterano.

Piazza San Giovanni i Laterano con il Palazzo del Laterano e Scala Santa

Commenti

Post popolari in questo blog

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Piramide Cestia

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Gli affreschi di Galleria Borghese

Caravaggio e la cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi

Cappella Cerasi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Il Trionfo della Divina Provvidenza di Pietro da Cortona a Palazzo Barberini

La tomba di Gian Lorenzo Bernini