Piramide Cestia

Immagine
  © Photo Massimo Gaudio La Piramide Cestia e Porta San Paolo A nord del quartiere Ostiense, ai confini con il rione San Saba e più precisamente in piazzale Ostiense, si trova la Piramide di Caio Cestio, più comunemente conosciuta come Piramide Cestia . Fu costruita tra il 18 e il 12 a.C. come sepolcro di Caio Cestio, pretore, tribuno e membro del Collegio sacerdotale degli Epuloni. Dopo la conquista dell'Egitto in età augustea, a Roma si sviluppo una sorta di moda che prendeva spunto dal modello egiziano, quindi nella città sorsero vari monumenti sepolcrali simili alle piamidi egizie e quella Cestia è l'ultima rimasta intatta. Nella seconda metà del III sec. d.C., l'imperatore Aureliano fece inglobare la piramide all'interno della cinta muraria a difesa di Roma, le Mura aureliane. Il monumento misura 36,40 metri di altezza, la base misura 29,50 metri per lato, mentre la camera sepolcrale misura 23 mq. che, seguendo l'usanza egizia, fu murata al momento della sepolt

Ferrovia Vaticana

 © Photo Massimo Gaudio

Il varco nelle mura leonine con il portone chiuso


La Ferrovia Vaticana è una linea ferroviaria internazionale, che collega Città del Vaticano con il territorio italiano. Dato che è lunga complessivamente 1270 metri, è da cosiderarsi il tratto di ferrovia internazionale più piccolo al mondo. Di questi soltanto 200 metri si trovano all'interno dello Stato Pontificio, mentre i restanti 1070 metri che si trovano nel territorio italiano, collegano la stazione di Roma San Pietro con le mura leonine che delimitano il confine tra Stato del Vaticano e lo Stato Italiano. L'unico binario di collegamento passa sopra il viadotto del Gelsomino, dove fino al Giubileo del 2000 si trovava un'altro binario che è stato eliminato ed al suo posto ora si trova la Passeggiata del Gelsomino.
Per permettere l'accesso della ferrovia allo Stato Pontificio, è stato praticato un arco attraverso le mura vaticane, chiuso da un portone scorrevole in ferro a due battenti comandato dalla Santa Sede. L'arco eseguito in mattoncini insabbiati e travertino, è lungo 16,70 metri e la chiave è costituita da due decorazione, una per lato, dello stemma di papa Pio XI. Il peso complessivo della parte metallica del portone è di 35.500 Kg, mentre per eseguire il movimento di chiusura o apertura impiega circa un minuto.
Una volta varcato il portone in ferro, dopo una ventina di metri si arriva al fabbricato viaggiatori costruito su progetto dell'architetto piacentino Giuseppe Momo, del quale papa Pio XI aveva molta fiducia, tanto da dargli l'incarico direzionale dei lavori della parte artistica ed architettonica all'interno della Città del Vaticano. La piccola stazione ferroviaria vaticana, fu inaugurata nel 1933, ed in previsione di dover ospitare personalità e papi, fu arredata in modo sontuoso e non fu fatta economia nelle decorazioni marmoree di pregio provenienti dalle cave italiane.
Il binario prosegue oltre la stazione per altri 110 metri, dei quali 95 all'interno di una galleria senza sfondo utilizzata per effettuare manovre.



Stazione di Città del Vaticano






Commenti

Post popolari in questo blog

I mosaici di Depero e Prampolini all'EUR

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Palazzo Barberini

Marforio, la Statua Parlante ai Musei Capitolini

Statua Colossale di Costantino

Museo della Civiltà Romana all'EUR

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Natale di Roma

Il Presepe di Arnolfo di Cambio nella basilica di Santa Maria Maggiore