Fontana della Terrina in piazza della Chiesa Nuova

Immagine
  #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Piazza della Chiesa Nuova, Giacomo della Porta, Fontana della terrina (1581-1595) Giacomo della Porta è stato uno degli scultori ed architetti più attivi a Roma. Autore di molte fontane disseminate sul territorio capitolino, ce n'è una che, suo malgrado, ha assunto un aspetto un po' bizzarro. Nel rione Parione, in piazza della Chiesa Nuova su corso Vittorio Emanuele II, si trova la Fontana della Terrina , chiamata così per il suo aspetto che non lascia spazio ad altre interpretazioni. In origine però, il suo aspetto non era questo e non era questa neanche la sua collocazione, infatti si trovava al centro di piazza Campo de' Fiori, da dove nel 1889 fu smontata per fare spazio al monumento a Giordano Bruno. Giacomo della Porta realizzò tra il 1590 ed il 1595 soltanto la vasca marmorea a pianta ovale, collocandola al centro di un bacino più basso rispetto al piano strada per via della scarsa pressione dell'acquedotto dell&#

Giardino del Quirinale già di Carlo Alberto

   © Photo Massimo Gaudio

Il giardino con il monumento equestre a Carlo Alberto

Via del Quirinale divide due rioni di Roma: il rione Trevi e il rione Monti.  All'interno di quest'ultimo, sopra il colle Quirinale, c'è un giardino dove trova posto un grande monumento equestre in bronzo che ritrae Carlo Alberto di Savoia, dal quale il giardino in precedenza prese il nome. L'opera realizzata dallo scultore fiorentino Raffaele Romanelli, venne inaugurata il 14 marzo del 1900 in presenza del nipote re Umberto I e della regina Margherita, anche se il suo progetto risale al 1898 in occasione del centenario della nascita di Carlo Alberto.
I lavori per la creazione del parco che si estende su una superfice di 6915 mq., furono affidati nel 1887 al giardiniere della casa reale Giuseppe Roda. Il giardino venne realizzato l'anno successivo in una porzione delle proprietà nella quale una volta sorgevano due chiese con i relativi conventi risalenti al Cinquecento: la chiesa di santa Chiara e la chiesa di santa Maria Maddalena, demolite dopo l'esproprio avvenuto nel 1871 dal Ministero della Real Casa per venire incontro alle nuove strutture pubbliche necessarie a seguito della creazione del nuovo regno. 
Il giardino realizzato in occasione della visita a Roma dell'imperatore Guglielmo II, suscitò non pochi malumori tra i romani, perché come giustificazione venne detto che la visuale dell'imperatore non poteva essere limitata dalla presenza di edifici troppo vicini e che un angolo verde lo avrebbe sicuramente allietato. I romani (come Pasquino insegna), lo ribattezzarono subito in Il giardino del Kaiser. 
Nel 1969 su iniziativa del presidente della Repubblica Giuseppe Saragat, il giardino venne aperto al pubblico, mentre nel 1998 venne effettuata la consegna ufficiale al Comune di Roma.


Monumento equestre a Carlo Alberto





Commenti

Post popolari in questo blog

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Piramide Cestia

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Gli affreschi di Galleria Borghese

Caravaggio e la cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi

Cappella Cerasi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Il Trionfo della Divina Provvidenza di Pietro da Cortona a Palazzo Barberini

La tomba di Gian Lorenzo Bernini