Fontana della Terrina in piazza della Chiesa Nuova

Immagine
  #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Piazza della Chiesa Nuova, Giacomo della Porta, Fontana della terrina (1581-1595) Giacomo della Porta è stato uno degli scultori ed architetti più attivi a Roma. Autore di molte fontane disseminate sul territorio capitolino, ce n'è una che, suo malgrado, ha assunto un aspetto un po' bizzarro. Nel rione Parione, in piazza della Chiesa Nuova su corso Vittorio Emanuele II, si trova la Fontana della Terrina , chiamata così per il suo aspetto che non lascia spazio ad altre interpretazioni. In origine però, il suo aspetto non era questo e non era questa neanche la sua collocazione, infatti si trovava al centro di piazza Campo de' Fiori, da dove nel 1889 fu smontata per fare spazio al monumento a Giordano Bruno. Giacomo della Porta realizzò tra il 1590 ed il 1595 soltanto la vasca marmorea a pianta ovale, collocandola al centro di un bacino più basso rispetto al piano strada per via della scarsa pressione dell'acquedotto dell&#

La casa romana di Michelangelo Buonarroti (Serbatoio Gianicolense)

#artiebellezzeitaliane

Photo by Massimo Gaudio

Serbatoio Gianicolense

Anche se il Gianicolo non fa parte dei Sette Colli di Roma ha un fascino tutto suo, dal quale si può ammirare uno stupendo panorama sulla Capitale. C'è una strada, la Passeggiata del Gianicolo, che corre lungo tutto il colle ed accompagna lo sguardo sulla citta dal Faro del Gianicolo fino a Porta San Pancrazio passando per piazza Garibaldi da dove la vista è mozzafiato in qualunque momento, sia di giorno che di notte. Verso la fine del percorso vicino a Porta San pancrazio, prorpio di fonte al monumento a Ciceruacchio, nel 1928 è stato costruito un serbatoio interrato all'interno di un bastione per far fronte alla mancanza di acqua.
Per l'occasione si decise di addossare sul muro del serbatoio quella che si presume essere la facciata della casa romana di Michelangelo Buonattoti dove visse dal 1531 in poi.
La casa dell'artista si trovava in origine in via Macel de' Corvi che venne demolita per la traformazione edilizia che era in atto nella zona in seguito alla costruzione del Vittoriano. Venne salvata la facciata che in un primo momento fu collocata in via delle Tre Pile che si trova a destra della scalinata "Cordonata" che porta in piazza del Campidoglio. Questa sistemazione però ebbe una breve durata, infatti nuovamente demolita nel 1930, nel 1941 fu posizionata a ridosso del Serbatoio Gianicolense secondo il progetto dell'architetto Adolfo Pernier. A ricordo della sua precedente posizione sulla facciata è posta una targa marmorea. E' curiosa anche l'altra di targa che si trova a sinistra dove si legge AGEA (Azienda Governatoriale Elettricità e Acque) che successivamente con il ritorno sotto l'amministrazione comunale diventò ACEA (Azienda Comunale Elettricità ed Acque).









Commenti

Post popolari in questo blog

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Piramide Cestia

Gli affreschi di Galleria Borghese

Cappella Cerasi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Caravaggio e Caravaggisti nelle nuove sale di Palazzo Barberini

Caravaggio e la cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi

Il Trionfo della Divina Provvidenza di Pietro da Cortona a Palazzo Barberini