Fontana della Botte

Immagine
  #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Via della Cisterna, Pietro Lombardi, Fontana della Botte (1927) Quando si entra nella parte più antica di Trastevere, si entra in un mondo a parte, fuori dai rumori e dalla frenesia cittadina. Nel rione con le sue trattorie, con le sue case popolari medioevali di pochi piani affacciate su strade con ancora i sanpietrini che ricordano quelle dei paesi dei Castelli Romani, un tempo era intenso il traffico del vino. A ricordare questa particolarità, nel 1927 l'architetto Pietro Lombardi progettò la Fontana della Botte che seguiva il progetto d el 1925 dell’Ufficio delle Antichità e Belle Arti del Comune di Roma per la realizzazione di fontane  tutte allusive nelle decorazioni, agli stemmi dei rioni o alle attività dei luoghi di Roma. La fontana si trova in via della Cisterna quasi ad angolo con via di San Francesco a Ripa, addossata ad una parete esterna di un palazzo. La fontana realizzata in travertino, si trova all'interno di u

Monumento a Ciceruacchio sul Gianicolo

 #artiebellezzeitaliane

Photo by Massimo Gaudio

Ettore Ximenes, Monumento a Angelo Brunetti detto Ciceruacchio (1907)

Il Gianicolo verso la metà del XIX secolo fu terreno di battaglia tra l'esercito francese che per convenienza politica andò in aiuto di papa Pio IX ed i patrioti della Repubblica Romana del 1849 che vide anche la partecipazione di Giuseppe Mazzini, Giuseppe Garibaldi e Goffredo Mameli.
Purtroppo molti combattenti della Repubblica Romana morirono e vengono ricordati nel sacrario del Mausoleo Ossario Garibaldino che si trova proprio sul colle del Gianicolo, mentre altri dopo la capitolazione fuggirono da Roma per andare a combattere a nord contro l'esercito austriaco. Tra questi c'erano Giuseppe Garibaldi ed Angelo Brunetti detto Ciceruacchio (per via del suo aspetto grassottello da bambino che in una derivazione del romano è ciruacchiotto). Brunetti fu un patriota molto conosciuto dal popolo romano dell'epoca e partecipò attivamente nella battaglia contro l'esercito assediante francese nel 1849. Da vero patriota si diresse verso Venezia che ancora resisteva contro gli Austriaci, ma alcuni abitanti del posto ai quali Brunetti chiese aiuto per arrivare a Venezia, lo denunciarono agli Austriaci che fucilarono lui, i figli Lorenzo e Luigi ed altre persone alla mezzanotte del 10 Agosto dello stesso anno.
Nella Passeggiata del Gianicolo tra piazza Garibaldi e Porta San Pancrazio, si trova il monumento che Roma gli ha dedicato. In un primo momento si trovava nei pressi di Ponte Margherita per poi essere ricollocato nella posizione attuale nel 2011 in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia. L'opera in bronzo realizzata dallo scultore palermitano Ettore Ximenes, fu inaugurata il 3 novembre del 1907, mostra Ciceruacchio fiero, che guarda dritto negli occhi il nemico mostrando il petto indicando di mirare al cuore, mentre ai suoi piedi c'è il figlio Lorenzo bendato e inginocchiato. L'altro figlio, Luigi, non è stato inserito perché scomodo, in quanto pare sia stato l'artefice della morte del ministro degli Interni del Governo Pontificio Pellegrino Rossi. Di lato a destra, nella parte alta della base marmorea c'è scritto: E. XIMENES SCOLPI' IN ROMA.






Commenti

Post popolari in questo blog

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Piramide Cestia

Gli affreschi di Galleria Borghese

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Caravaggio e la cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi

I Grandi Artisti nella Basilica di San Pietro

Cappella Cerasi nella basilica di Santa Maria del Popolo

La tomba di Gian Lorenzo Bernini