Fontana della Terrina in piazza della Chiesa Nuova

Immagine
  #artiebellezzeitaliane Photo by  Massimo Gaudio Piazza della Chiesa Nuova, Giacomo della Porta, Fontana della terrina (1581-1595) Giacomo della Porta è stato uno degli scultori ed architetti più attivi a Roma. Autore di molte fontane disseminate sul territorio capitolino, ce n'è una che, suo malgrado, ha assunto un aspetto un po' bizzarro. Nel rione Parione, in piazza della Chiesa Nuova su corso Vittorio Emanuele II, si trova la Fontana della Terrina , chiamata così per il suo aspetto che non lascia spazio ad altre interpretazioni. In origine però, il suo aspetto non era questo e non era questa neanche la sua collocazione, infatti si trovava al centro di piazza Campo de' Fiori, da dove nel 1889 fu smontata per fare spazio al monumento a Giordano Bruno. Giacomo della Porta realizzò tra il 1590 ed il 1595 soltanto la vasca marmorea a pianta ovale, collocandola al centro di un bacino più basso rispetto al piano strada per via della scarsa pressione dell'acquedotto dell&#

La casa di Mastro Titta, "er boja de Roma"

 #artiebellezzeitaliane

Photo by Massimo Gaudio

Vicolo Campanile, Casa del boia di Roma

Molti turisti che si recano in San Pietro sicuramente non lo sanno, ma in una traversa di via della Conciliazione e più precisamente in vicolo del Campanile 2, risiedeva Giovanni Battista Bugatti meglio conosciuto come Mastro Titta, il boia di Roma. Nacque a Senigallia e per "lavoro" si trasferì a Roma non prima di aver praticato l'arte in altri luoghi del centro Italia. Aveva cura di annotare su un taccuino tutte le esecuzioni effettuate nella sua lunga carriera durata ben 68 anni dei 90 vissuti. Eseguì ben 614 esecuzioni in vari modi diversi, sicuramente l'impiccagione era quella meno violenta, ma egli utilizzava altri modi per portare a termine quello per il quale veniva pagato dallo Stato Pontificio. Utilizzava anche la decapitazione, la mazzolatura, lo squartamento ed in alcuni anche il rogo, che a Roma venivano eseguite in luoghi ampi, capaci di contenere tanta gente come Piazza del Popolo, piazza Campo de' Fiori e il Velabro che fu utilizzato anche nel film Il Marchese del Grillo con Alberto Sordi. In una scena del film, al termine dell'esecuzione, si vedono i genitori dare un ceffone ai figli come monito per fargli capire che se non rigano dritti durante la vita, faranno la stessa fine.
Quando non era impegnato nel ruolo di boia, Bugatti vendeva ombrelli sotto la sua abitazione nel rione Borgo, all'interno della cinta vaticana per avere una sorta di protezione verso il popolo romano che non lo vedeva di buon occhio. Ovviamente la sua fama durò per molto tempo tanto da ispirare commedie e films sulla vita popolare del XIX secolo come il Rugantino dove Mastro Titta nella versione teatrale fu interpretato da Aldo Fabrizi (lo vidi al Teatro Sistina nel '79, bellissimo!), mentre in quella cinematografica di Pasquale Festa Campanile fu interpretata da Paolo Stoppa, inoltre comparve anche nel film Nell'anno del Signore di Luigi Magni. Anche il poeta romano Giuseppe Gioacchino Belli, che lo vide all'opera, volle dedicargli alcuni sonetti.




Commenti

Post popolari in questo blog

La Sala Rotonda del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani

La tomba di Raffaello Sanzio al Pantheon

Cappella Chigi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative

Piramide Cestia

Gli affreschi di Galleria Borghese

Cappella Cerasi nella basilica di Santa Maria del Popolo

Caravaggio e Caravaggisti nelle nuove sale di Palazzo Barberini

Caravaggio e la cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi

Il Trionfo della Divina Provvidenza di Pietro da Cortona a Palazzo Barberini